domenica 21 luglio 2024

Abu Sayeed, un corpo da trafiggere

 


Sono le braccia sollevate di Abu Sayeed, lo studente dell’università Begum Rokeya che protesta davanti alla polizia, l’atto d’accusa senza appello per il governo di Sheikh Hasina. Il suo assassinio è stato ripreso dalle telecamere televisive e mostrato all’opinione pubblica.   Diversi commentatori l’hanno paragonato al cinese wángwéi lin, cioè l’uomo del carro armato, come venne definito il giovane che il 5 giugno 1989 si parava davanti ai carri militari disposti nella pechinese piazza Tienanmen e che fu  probabilmente stritolato. Di lui non si seppe né la fine né il nome. La repressione scatenata in Bangladesh contro la protesta studentesca sulle quote di assunzioni statali riservata a figli e nipoti dei reduci dell’indipendenza nazionale del 1971, è la punta dell’iceberg di un più diffuso malcontento popolare. A un primo impatto d’un ordine pubblico improntato sul contenimento delle manifestazioni, con la polizia che usa lacrimogeni e cannoni ad acqua, sono seguiti attacchi mirati con l’uso di proiettili di gomma e di piombo. Sono bastati i primi ad atterrare il ventiduenne Abu, bersagliato mentre levava le braccia. Colpito una prima volta lui ha un moto di autotutela, si piega. Poi rioffre il petto su cui giungono diversi proiettili. Il ragazzo si ripara come può, visto che è in campo aperto, s’accartoccia finché non viene portato via a braccia dai compagni. L’esame post-mortem ha decretato che sul corpo c’erano parecchi segni di colpi ricevuti a distanza ed è stata un’emorragia interna a causare il decesso. Secondo testimoni e alcuni partecipanti alla protesta le vittime sono scaturite da questi ordini draconiani, colpire per uccidere, così da sfibrare i ranghi degli attivisti e impaurirli. Si fa un parallelo con la repressione del 2018, altra circostanza in cui le forze dell’ordine si scatenarono contro chi scendeva in strada. L’atto d’accusa è rivolto a lei, la populista Hasina che odia una parte del popolo, quella che non accetta passivamente il suo volere. La polarizzazione è alimentata anche da questo genere di provvedimenti contestati, e chi era in piazza lancia duplici accuse: contro Chhatra League, l’organizzazione studentesca del partito di governo che armata ha lanciato attacchi alla protesta, e contro la polizia intervenuta a senso unico sui contestatori della Hasina, senza muovere un solo manganello sulla fazione giovanile a lei vicina. Gruppi dell’opposizione hanno additato sicari prezzolati per fomentare caos e uccidere. Non ci sono prove che abbiano coadiuvato gli attacchi del Chhatra League, ma i sospetti sono tanti. Fra le componenti attaccate dai filo governativi ci sono alcuni collettivi femministi, presenti in strada, che negli ultimi anni si sono battuti contro la pratica dello stupro teorizzata e attuata dai militanti CL. Insomma da tempo il clima interno sta degenerando sul fronte della violenza, perché il partito pigliatutto della premier non tollera alcun genere di critica. I collettivi studenteschi hanno denunciato la presenza in alcune università di aulette adibite nientemeno che a celle di tortura, e si parla anche di omicidi extragiudiziari. Il ministro dell’Interno sorvola sulle accuse, nessun organismo internazionale interviene sulle vicende interne al Paese anche per la buona rete diplomatica tessuta da Hasina durante ogni suo esecutivo. Eppure la piazza continua ribollire, sotto la spinta giovanile anche la popolazione che sembrava narcotizzata si risveglia. Certo, l’attuale potere ha dalla sua parte Forze armate e alcune categorie protette della cittadinanza, ma le tensioni crescono. Tanti bengalesi non piegano più la testa. 


  

giovedì 18 luglio 2024

Bangladesh, sangue su reducismo e protezione

 


Più del fuoco dell’indipendenza, lontano oltre mezzo secolo, sono le conseguenze economiche e i privilegi a rinfiammare in questi giorni le strade di Dacca, Chittagong e altri centri del Bangladesh. Si scontrano con armi improprie ma capaci di far male e uccidere fazioni di studenti pro e contro il governo della premier Sheikh Hasina, al potere ininterrottamente da un quindicennio, dopo esserlo stata a metà anni Novanta. E’ lei a voler conservare spazi privilegiati ai figli e ormai ai nipoti dei combattenti per l’indipendenza del 1971. Costoro godono di quote protettive per l’accesso ai ben remunerati impieghi pubblici, ai quali altri giovani ambiscono e si sentono discriminati. Quest’ultimi rivendicano una selezione meritocratica per quegli impieghi, considerando la misura che la leader vuole mantenere un anacronistico retaggio del passato. Sul tema proteste c’erano già state sei anni fa, e il governo s’era visto costretto a eliminare la norma. Di recente l’Alta Corte del Paese si è pronunciata contro la sospensione, rilanciando la misura d’un terzo delle assunzioni riservate ai parenti dei reduci. Nei tumulti finora si registrano sei vittime, reparti anti sommossa sono stati schierati per via più con l’intento di dissuadere e contenere che di schiacciare una protesta che dopo due giorni continua a montare, occupa stazioni e binari ferroviari, vede partecipare anche le studentesse solitamente esenti da manifestazioni. La polizia non ha esitato a sparare proiettili di gomma, tre delle sei vittime sarebbero state uccise in questo modo, sebbene il governo neghi. Dietro le dirette motivazioni dello scontro alberga anche un conflitto fra il partito della Hasina, Lega Awami, e lo storico partito nazionalista, conservatore che riceve l’appoggio dei ceti medi e della casta militare. All’esordio come primo ministro (1996-2001) Hasina aveva incentivato l’economia,  aprendo spazi a investimenti privati con cui poneva un rimedio alle ampie sacche di povertà presenti nel Paese, che oggi conta 170 milioni di abitanti. L’intento della leader della Lega Awami è stato quello di attrarre capitali esteri per disporre di fondi da destinare a una sorta di politica sicurezza sociale rivolta a determinate categorie: un certo numero di anziani poveri, vedove, donne abbandonate, disabili. 

 

Agli ultimi due gruppi, nella misura contesa in questi giorni dalla piazza, spettano il 10 e il 6% dei posti pubblici. Insomma la storica premier nel proporre da circa trent’anni un’ammortizzazione sociale, è finita a realizzare un populismo politico che le garantisce popolarità e voti, ma conserva sacche di privilegio verso soggetti per nulla bisognosi e di fatto discriminanti nei confronti di quei giovani che ora la contestano. Il passato non è stato sempre rose e fiori per la Hasina, comunque ben vista dalla comunità internazionale occidentale (i suoi figli vivono negli Stati Uniti) per un approccio economico volto a un liberismo morbido. Nel 2007, quando il suo partito era finito all’opposizione, venne arrestata per estorsione. Quindi sulla base d’un presunto tentativo di attentato nei suoi confronti ordito da oppositori, venne liberata. La resurrezione politica si materializza nel dicembre 2008, il successo elettorale la riporta alla guida del Paese e il populismo riprende: impegno contro il carovita, ancora rete di sicurezza per i poveri, sistema giudiziario imparziale e rilancio dei diritti umani. A seconda dei casi disatteso: fece scalpore nel 2012 il rifiuto di accogliere profughi rohingya in fuga dal Myanmar.  Il seguente successo elettorale nel 2014 era macchiato da proteste e contestazioni per violenze e brogli operati dalla Lega Awami, eppure la comunità internazionale, attenta altrove a denunciare questi casi, non mosse un dito. Nel 2016 Hasina volava al G7 in Giappone come ospite dei suoi protettori. L’anno seguente una svolta: il Bangladesh concede rifugio a circa un milione di profughi rohingya e il Paese sfoggia due sottomarini nel suo arsenale militare. Nel 2019 la premier rivince l’ennesima tornata elettorale conquistando 288 seggi su 300 (votò circa il 40% dell’elettorato), e il debito fiscale che nel biennio 2021-22 segnava un aumento del 238% rispetto al decennio precedente, ricevette un sostegno del Fondo Monetario Internazionale. Circa cinque miliardi di dollari per l’ormai nonnina sola al comando. Dribblando scandali, accuse di corruzione e attentati (nella biografia ne vanta addirittura diciannove) Hasina è ancora lì. Non sarà un gruppo di studenti scalmanati a farla cadere. Questo pensa sotto il velo.

mercoledì 10 luglio 2024

Anniversario Nato, ospedali bombardati, informazione

 


Basterebbe ricordare. Gli operatori dell’informazione, i colleghi dovrebbero farlo. Invece… In tanti casi è l’Editore a porre il veto o aggirare la notizia, ridurla nel pallino cartaceo oppure citarla a fine notiziario, quasi si trattasse di una nota di colore, d’un gossip. Correttamente le aperture di queste ore sono rivolte alla strage nell’ospedale pediatrico di Kiev, colpito da un missile da crociera KH101 sparato, secondo fonti occidentali, dalla Federazione Russa, mentre il portavoce del Cremlino parla di messa in scena ucraina. Restano la conta delle vittime, oltre quaranta fra cui bambini in cura nei reparti oncologici resi inservibili, le immagini della devastazione, l’orrore d’un conflitto che chi piange e biasima vuole proseguire per ricambiare terrore all’aggressore. Eppure nelle recenti devastazioni della Striscia di Gaza gli ospedali rasi al suolo, disintegrando attrezzature e chi ne fruiva, sono più di venti. Forse venticinque, i dati sfuggono così come le vittime, il cui conto è attorno alle quarantamila, e c’è chi ne calcola molte di più. Se ne parla? Sì, se ne parla. Forse non abbastanza se chi è ancora vivo fra i cronisti palestinesi, che pagano un tributo altissimo alla propria controinformazione avendo visto uccidere centotrenta di loro, critica i racconti del giornalismo americano ed europeo. In troppi casi un racconto di parte e lo schieramento è filo israeliano, visto che al più le critiche possono scivolare sull’attuale governo di Tel Aviv, sul leader Netanyahu, ma non devono sfiorare la politica militarista e colonizzatrice di Israele dal momento della sua nascita perché questo è giudicato antisemita. Mentre le Nazioni Unite proseguono le giuste, giustissime, accuse su svariati crimini di guerra in atto, che se non arrivano a fermare i criminali bellici, restano denunce sterili, la Nato festeggia se stessa. La sua ingombrante boria, foriera di pace e democrazia, si trascina dietro conflitti mascherati da “missioni internazionali” infarcite di motivazioni: umanitarie, di polizia internazionale, stabilizzazione, interposizione, di fatto mai neutrali e sempre rivolte ad avversari di comodo. 

 

Nel corso di queste missioni crimini contro l’umanità sono stati perpetrati e seppelliti, prim’ancora dei cadaveri innocenti che hanno provocato. Inizi d’un caldo ottobre 2015, Kunduz, circa trecento chilometri a nord di Kabul, verso il confine afghano col Tajikistan. Un bombardiere statunitense della Nato sorvola il capoluogo e punta sull’ospedale di Medici senza Frontiere. E’ da poco scoccata  l’una e trenta di notte. Preoccupato il responsabile della struttura telefona ripetutamente agli uffici amministrativi locali, e anche agli apparati militari Nato a Kabul. Costoro conoscono la dislocazione delle strutture sanitarie e il lavoro degli operatori rivolto alla popolazione. Il medico lo ribadisce successivamente quando si cercò, senza esiti, di organizzare una commissione d’inchiesta sull’accaduto. L’accaduto fu una strage: mezz’ora di sorvolo sul nosocomio, a ogni passaggio un missile. Non uno, una gragnuola. Più di venti vittime, di cui nove fra medici e infermieri, cinquanta feriti, in venti restarono fortunatamente illesi. In seguito non accadde nulla. Poca stampa ne parlò. Quella italiana pochissimo. L’informazione pubblica neppure citava gli eventi, il ministro degli Esteri Gentiloni per il governo Renzi, prendeva per buone le direttive di Washington che a un certo punto sostenne la tesi dell’errore con conseguente “danno collaterale”. Quindi un dispaccio della Nato giustificava l’attacco, sostenendo che l’ospedale fosse un rifugio per i talebani, stesso refrain con cui Israel Defence Forces afferma che gli ospedali rasi al suolo nella Striscia sono delle caserme di Hamas. E tratta chi è ricoverato come un miliziano, ovviamente da colpire. A Kunduz c’erano madri e bambini, come nel centro pediatrico Okhmatdyt. Buona parte dell’informazione sceglieva di non parlarne, per non disturbare Resolute Support una delle varie sigle con cui la Nato occupò l’Afghanistan, spargendo sangue, gettando al vento denaro, sostenendo governi-fantoccio corrotti, patteggiando alfine coi talebani un futuro sulla pelle d’un popolo disprezzato, buono solo per l’ennesimo proprio ‘Grande gioco’ di guerra. Che, ahinoi, continua.

martedì 9 luglio 2024

India, lezioni d’induismo

 


Dopo la grande avanzata elettorale del mese scorso il blocco denominato India, che raccoglie gran parte dell’antagonismo al Bharatiya Janata Party del confermato premier Modi, rende il Parlamento molto meno soggetto ai voleri del partito di maggioranza, relativa e non più assoluta. L’opposizione ha conquistato seggi, compattezza, fiducia e durante la sessione d’insediamento della 18° Lok Sabha (la Camera bassa della Federazione indiana) si è assistito a una sorta di lezione d’induismo a casa degli hindu. A sviscerarla è stato l’uomo simbolo del riscatto anti Modi, quel Rahul Gandhi emancipato dal ruolo di predestinato della politica nazionale. Figlio, nipote, pronipote d’una casta familiare che lotta contro le caste etnico-sociali ma ingombra la scena dall’epoca della nascita dell’India moderna. Eppure appartenere al clan Nerhu-Gandhi è stato per Rahul quasi più un peso che un vantaggio. Solo ora, a cinquant’anni suonati, riesce ad aprirsi spazi direttivi, rilanciando il malconcio Partito del Congresso e la stessa coalizione India. Cosa s’inventa dopo la ‘lunga marcia’ che l’ha fatto conoscere ai più? Pur non essendo un teologo Rahul, davanti ai deputati riuniti in consesso, ha avviato una riflessione sulle radici dell’induismo. L’ha rivolta all’attualità, entrando nel terreno solitamente percorso dai propagandisti hindu, compresi gli onorevoli e i ministri degli esecutivi formati da Modi. Ha scomodato la scrittura e l’iconografia del culto col maggior seguito di fedeli nel Paese, ricordando che: “Essere veri hindu significa essere amanti della pace, tolleranti, veritieri e senza paura. Coloro che spesso si proclamano hindu non mostrano questi princìpi”. Un colpo durissimo al leader del Bjp che sull’identità religiosa ha creato l’appartenenza politica dei concittadini elettori. E allora, chi è un vero hindu? Rahul non ha dubbi.

 

Chi si richiama all’insegnamento del Mahatma e dunque alla non violenza. Sono hindu coloro che l’hanno conosciuto e continuano a vedere la sua eredità come il principale antagonista d’un altro induismo”. Poi domanda: “La violenza rappresenta un anatema al vero induismo o è una caratteristica distintiva della storia dell’Hindutva?” Per rispondere cita un recente testo di Vinayak Chaturvedi: Hindutva and Violence: V.D. Savarkar and the Politics of History. Gli studiosi sottolineano come  l’autore non sia un sostenitore del Partito del Congresso né tantomeno un militante di sinistra. Per giunta i genitori l’hanno denominato Vinayak in onore dello stesso Savarkar. Dovevano essergli fedeli… Chaturvedi afferma che l’intento del suo libro è quello di “comprendere il pensiero di Savarkar, non di lodarlo o d’infangarlo”. Nello studio dell'intera e considerevole opera di Savarkar, Chaturvedi trova che “il concetto di violenza era al centro della definizione dell’Hindutva”. "Gli hindu non solo erano esistiti in uno stato di guerra in passato, ma avevano anche bisogno di abbracciare la guerra permanente come parte del loro futuro" perché "gli hindu si comprendono come tali solo attraverso atti di violenza." Questo però è l’induismo di Savarkar, non dei testi sacri, e l’esegeta Chaturvedi che l’ha studiato sostiene come “l'ala destra dell'Hindutva s’impegna regolarmente in quello che viene chiamato ‘Shastra puja’, la propiziazione attraverso l’uso di armi da fuoco…”. Insomma in apertura dei lavori assembleari l’ultimo dei Gandhi ha messo il dito nella ferita purulenta della nazione indiana con affermazioni dirette e concetti duri, ma usando la pacatezza che lo caratterizza. Così ha solleticato lo spirito critico dei partner del blocco India, intervenuti anch’essi contro i fallimenti sociali dei governi finora guidati da Modi, fallimenti di cui dovrebbe rispondere personalmente visto i disastri causati sul terreno dell’occupazione e della salute pubblica. L’accusa al Bjp è esplicita: usare l’induismo per mascherare copiose magagne economiche e politiche, strumentalizzarlo con una lettura violenta e fondamentalista del fanatico fondatore dell’Hindutva, discriminare altre fedi e voci della nazione. Secondo Rahul e alleati non può durare. Modi risponderà cambiando rotta?

sabato 6 luglio 2024

Iran, Pezeshkian l’uomo della mano tesa

 


Vince Pezeshkian, l’uomo della mano tesa. Vince con tre milioni di preferenze più di Jalili. E lo fa con un elettorato che sfiora il 50% di partecipazione, risollevando di dieci punti la percentuale della settimana scorsa. Dunque sei milioni di astenuti non se la sono sentita di voltare le spalle ai seggi. E già che c’erano hanno consegnato la presidenza al riformista, scudisciando il candidato d’apparato Saeed Jalili. Perdono gli ultraconservatori, almeno nell’aspetto di facciata di non avere un proprio uomo al vertice delle Istituzioni. Possono sperare nel tradizionalismo di Khamenei che però già da un anno chiude gli occhi davanti a una tolleranza di fatto: accettare tante donne, non solo giovanissime, che girano per le strade senza velo. Il simbolo intoccabile voluto da Khomeini, che aveva infiammato le proteste dopo le azioni violente della Gašt-e Eršâd innanzitutto contro Masha Amini e poi su centinaia di donne che bruciavano pubblicamente l’hijab e si tagliavano ciocche di capelli, non è più al centro della repressione. Almeno per ora. Fra i duellanti Masoud Pezeshkian ha promesso in campagna elettorale tolleranza assoluta sulla questione. Da presidente non cambierà idea, ma il suo impegno ancor più corposo sul fronte geopolitico resta la disponibilità a riaprire le trattative sul nucleare, e qui bisogna vedere come reagiranno le controparti internazionali e interna. Molto dipenderà da chi governerà quello che per Teheran resta il Grande Satana, la Casa Bianca. Un ritorno di Trump, teoricamente dovrebbe chiudere tutte le porte a un rilancio del dialogo, visto che fu proprio lui a staccare il filo sette anni or sono. Ma sia il tycoon sia un rivale miracolato come 47° presidente americano potrebbero sorprendere tutti e riproporre le trattative. Come la prenderebbe il partito dei militari sarà tutto da scoprire. Per costume costoro risultano sì integerrimi, ma sono al tempo stesso pragmatici, non avvezzi a colpi di testa. Davanti a decisioni delicate, soprattutto in politica estera, valutano ciò che può maggiormente convenire.

 

E l’attuale momento non è fra i migliori per decisioni puramente ideologiche, visti: la crisi economica pungente, il malcontento popolare, il rischio di nuove rivolte, il rovente clima bellico mediorientale, la sponda ritrovata per il riformismo interno. In fondo c’è un gran pezzo del Paese disgustato dalla gestione repressiva del potere che protesta astenendosi dal voto, e fra chi si è recato alle urne è cresciuto il sostegno a un elemento partito out-sider e diventato presidente. Entrambi i candidati di potenti apparati come i basiji (Jalili) e i pasdaran (Ghalibaf) sono stati battuti da chi teoricamente non vanta gruppi di pressione dalla sua parte. L’aria sembrerebbe tornata a girare. Ma almeno due generazioni che hanno sostenuto il riformismo con tanto di presidente eletto per due mandati, Khatami fra la fine degli anni Novanta e il nuovo secolo, oppure mediato, Rohani perché i più esposti Karroubi e Mousavi erano finiti ai domiciliari dopo l’Onda verde, hanno incamerato delusioni in luogo di soddisfazioni. E non perché siano mancate idee e proposte, ma perché i pilastri del khomeinismo, l’ingombrante presenza del clero nelle Istituzioni, lo strapotere dei Guardiani della Rivoluzione fin dentro l’economia col controllo delle Fondazioni, chiudevano  spazi politici e d’impresa. In aggiunta il clima internazionale non è favorevole, la stessa diaspora od opposizione iraniana all’estero, a meno che non elabori nostalgie para dinastiche, è carezzata da tanti che parlano di diritti negati, ma considerano l’Iran uno Stato-canaglia. Alcuni lo rivorrebbero come ai tempi in cui la Cia e l’MI6 scalzavano con metodi spicci Mossadeq. Perché agli imperi che non tramontano, gli amici piacciono prostrati o sottomessi. Per ora il neo eletto presidente dichiara di voler “Tendere la mano dell’amicizia a tutti. Siamo tutti popolo di questo Paese. Ci sarà bisogno di tutti per il progresso”. Una scommessa e un azzardo. Eppure l’azero dal sorriso triste ci prova. 


 

giovedì 4 luglio 2024

Iran, un voto conflittuale


Alla fine avranno ragione quei giovani che, interrogati sul ballottaggio presidenziale fra Pezeshkian e Jalili, ribadiscono l’astensione, proprio come al primo turno, perché la vera alternativa manca. Un’alternativa che non riguarda la prossimità o lontananza dal clero dei due candidati, fra i quali il gradimento dell’unico turbante in corsa, Mostafa Pourmohammadi, è rivolto al riformista. Un sostegno che nei conteggi del preliminare vale poco, duecentomila voti se pure questi si riversassero su Pezeshkian. Di maggior peso, nel distacco che il 28 giugno è risultato di circa un milione di schede a favore del candidato d’origine azera (come Khamenei), risulterebbero le preferenze raccolte da Ghalibaf e che lui stesso ha invitato a rilanciare su Jalili. Orientamenti di elettori attivi. Eppure nella consultazione di domani la partecipazione, scesa al 40% la più bassa nella storia elettorale della Repubblica Islamica, potrà diminuire ulteriormente se appunto il ‘fascino’ che qualche commentatore ha riservato a Pezeshkian per la sua apertura alle donne senza velo e alla ripresa delle trattative sul nucleare, non convoglierà verso i seggi gli incerti. Sicuramente mancherà la partecipazione del movimento “Donna, vita, libertà”, certamente andrà alle urne lo zoccolo duro del conservatorismo clericale e laico, ciascuno arroccato nei propri santuari di potere che sono le bonyad, gli enti di beneficienza che controllano un terzo dell’economia del Paese. Una nota dolentissima l’economia, che i contendenti cercano di rivitalizzare con formule opposte: riaprendo il dialogo con l’Occidente, soprattutto sul nucleare interno, Pezeshkian, per limitare il nodo scorsoio delle sanzioni. Cercando vie nuove Jalili, che contrario a qualsiasi compromesso sul programma di arricchimento dell’uranio rilancia la così definita “economia della resistenza”, avviata da tempo con gli scambi con la Cina, ribaditi ultimamente dalla mediazione saudita. Proprio così. 

 

I tempi cambiano, già durante la presidenza di Raisi l’adesione iraniana alla ‘Shangai Cooperation Organization’ ha tamponato i vuoti di mercanzia e di capitali che il boicottaggio del blocco euro-americano produce da decenni. Però diversi studiosi fanno notare come le aperture asiatiche non abbiano prodotto effetti concreti sull’economia. Magari i banchi dei bazari non risultano sprovvisti di mercanzia, non tanto quella interna ma quella derivante dai commerci internazionali, come pure non lo sono del tutto i magazzini di certe industrie. Quel che si vede poco sono gli investimenti. E nei duetti televisivi delle ultime ore che cercano di far presa sull’elettorato comunque deciso a non disertare, giungono le punzecchiate provocatorie: “Il nostro Paese vende il greggio alla Cina, ma con enormi sconti e soprattutto in cambio di beni, non di valuta estera”. E’ Pezeshkian che fa le pulci all’avversario, sapendo bene di non poter proporre molte alternative. Quei contratti parzialmente capestro, evitano alla gestione domestica di tracollare. Lui, qualora venisse eletto, ha fatto sapere di investire Ali Tayebnia del ruolo di ministro dell’Economia. Si tratta d’un elemento prestigioso, accademico, che ha ricoperto quel ruolo dal 2013 al 2017 sotto Rohani, avviando un contenimento dell’inflazione. Altro momento. Le aperture occidentali dell’epoca finirono azzerate da Trump che, da presidente, volle il disimpegno dalla trattativa sul nucleare e più tardi fece aprire il fuoco su un uomo simbolo per la nazione: il generale Soleimani, centrato da un drone. Così conteranno ben poco le promesse di sgravi fiscali con cui Pezeshkian ha costellato il primo e secondo turno della campagna elettorale. L’aria che si respira, anche per espressa volontà dello storico nemico israeliano, offre a Jalili, ai principialisti, agli stessi possibili alleati del partito dei Pasdaran argomenti che raccolgono l’attenzione di chi vota  e inesorabilmente anche di chi ha deciso d’astenersi.  

martedì 2 luglio 2024

Comunardo, il calciatore della Storia

 


Dove guardava Niccolai quando lanciava la crapa, pronta a spelarsi già a ventiquattr’anni, su un pallone che poi gonfiava la propria rete? L’emblematico faccia a faccia, lui poggiato al palo della porta, Albertosi a braccia aperte a imprecare, è rimasto immortalato in un’immagine che supera nella sconsolatezza i versi di Saba sul portiere “caduto alla difesa ultima vana”. L’estremo difensore cagliaritano non “cela la faccia contro terra” indirizza un sicuro improperio al compagno che ne aveva vanificato l’uscita esibendosi nel più celebrato dei suoi autogoal. Accadeva contro la Juventus, una pericolosa concorrente per lo scudetto del 1970 che, nonostante quello e altri inciampi, il Cagliari Calcio si cucì sulla maglia. Era goffo Niccolai? Talvolta sì, ma per eccesso di zelo difensivo, lui che era al centro dell’area e doveva spazzarla, come insegnava più il calcio d’una volta che quello del filosofo della panchina Scopigno, fumatore incallito al pari di certi suoi calciatori. Un aneddoto lo vuole, da poco giunto in società, perlustrare il luogo del ritiro e trovarvi gli atleti infoiati in un pokerino con sigarette e whisky sui letti. ”Dispiace se fumo?” disse il mister, colpendoli a tal punto che tutti rientrarono nelle stanze e nei ranghi senza trasgredire. Poi, non è un segreto, qualche sigaretta di troppo non mancava al cannoniere di quella squadra, lui che l’aerobìa la distribuiva solo in quindici metri, ma per fare in quel fazzoletto cose che gli umani sugli spalti difficilmente avrebbero rivisto. In quel Cagliari del miracolo c’erano campioni come Gigi Riva, Angelo Domenghini, Pierluigi Cera, Claudio Olinto de Carvalho in arte Nené, e buoni gregari - Martiradonna, Tomasini e appunto Niccolai che stupiva per certi improvvidi, autolesionistici passi e per il nome. Comunardo. Uno della Comune, prima del comunismo stesso. E’ grazie a quel nome che taluni ragazzini s’infilarono sin dalla scuola media in un pezzo di Storia, celata pure negli studi accademici. Sicuramente a vergogna delle stragi conseguenti. 

 

Sempre i racconti, stavolta familiari, dicono che il babbo Niccolai, Lorenzo, sportivo anch’egli, portiere tutto fegato e cuore a Livorno, la città del Teatro Goldoni e della nota scissione comunista di Bordiga e Gramsci, per amore antifascista avesse voluto identificare il figliolo con uno di quei nomi dell’epica ideologica, caduti poi in disuso con le ventate del boom economico, quando il consumismo aveva definitivamente scalzato il comunismo. A quel punto Comunardo era cresciuto, s’era gettato nella mischia pallonara nella nativa Toscana, giovanili del Montecatini per poi sbarcare nell’isola, Torres e dal 1964 Cagliari, che voleva anche dire il massimo campionato. Sempre da difensore, sempre a centro area, con 174 centimetri dignitosi all’epoca per uno stopper. Calciatore normale, nonostante il primato della stagione 1969-70 e addirittura una convocazione in Nazionale, in quell’annata d’oro segnata dai Mondiali in Messico che fecero sognare i tifosi di tutt’Italia. Niccolai si fermò all’esordio, bloccato da un infortunio dopo mezz’oretta di partita. I superstiziosi tiravano un sospiro di sollievo, non l’Albertosi portiere che dall’isola era passato a difendere la rete azzurra, e trovò nell’incertezza di Poletti l’ennesima beffa sotto porta che poteva inceppare la Storia. Non accadde. Nella memorialistica resta l’Italia-Germania 4-3. Nelle personali memorie, in virtù proprio del nome Comunardo, restano le vicende d’un secolo prima. Le fervide giornate del 18 marzo (1871) all’Hôtel de Ville parigino che accoglie gli insorti - i comunardi - che abolivano l’esercito e armavano il popolo, bloccavano gli sfratti, separavano lo Stato dalla Chiesa (l’aveva già fatto la rivoluzione dell’89, ma erano giunti Napoleone, il Congresso di Vienna e Napoleone III), creavano un’istruzione laica e gratuita, e cooperative operaie e camere sindacali femminili. Ma presto si profilavano di cannoni del maresciallo Mac-Mahon a spezzare le ultime resistenze popolari di Belleville e del cimitero di Père-Lachaise, monumentale già allora con la tomba, fra gli altri, di Balzac. All’aristocrazia e ai militari assetati di sangue non bastava la disfatta della Comune, cercavano vendetta e continuarono per settimane a fucilare comunardi ribelli. A migliaia. La Comune di Parigi “governo della classe operaia, nella quale si poteva compiere l'emancipazione economica del lavoro”, dice Marx l’avremmo incontrata negli studi storici, eppure Niccolai, il calciatore dell’autogoal segnato da quel nome e da oggi riunito a Gigi, ci apriva gli occhi quand’eravamo poco più che bambini. 


 

sabato 29 giugno 2024

Presidenziali iraniane: Pezeshkian o Jalili

 


Saranno le due anime militari d’un Iran passato, quello della guerra con l’Iraq, a contendersi la presidenza della Repubblica Islamica. Quella gentile del medico che salvava le vite, Mosoud Pezeshkian, la spunta su quella rude del basij Saeed Jalili. Gli dà quasi un milione di voti di distacco: 10.4 contro 9.5. In un Paese dove prevale l’astensionismo che affossa ancor più delle ultime consultazioni la fiducia nell’urna: 48% di votanti alle presidenziali del 2021, 41% alle politiche del marzo scorso, un 40% scarso ieri. Khamenei alla vigilia aveva detto: “Prego Dio Onnipotente per i giorni e gli anni migliori e per le più grandi benedizioni per la nostra amata nazionela partecipazione del popolo è necessaria e obbligatoria per dimostrare la validità e l'onestà del sistema della Repubblica islamica”. Ma convincere l’ala intransigente dell’ultimo movimento di protesta Donna, vita, libertà (2022) è praticamente impossibile e dello stesso parere è la vecchia guardia della contestazione dell’Onda verde (2009) con un uomo simbolo come Mousavi che è rimasto a casa, non solo per il fermo domiciliare poliziesco. Una corposa maggioranza non va ai seggi per non legittimare un regime cui è ostile e non crede più neppure alle favole riformiste, come ai tempi di Rohani che pure aveva fatto il pieno dei voti dell’attivismo femminile e giovanile. Ora l’incognita è quanto gli elettori del riformista morbido Pezeshkian vorranno fare per eleggerlo. Quanto lui potrà essere attrattivo per chi ha finora scelto di disertare l’urna, quanto potrà calamitare il suffragio del terzo candidato, il principalista Ghalibaf, il perdente bocciato per la terza volta nella corsa alla presidenza nonostante il sostegno dei Guardiani della Rivoluzione. Teoricamente i voti di chi l’ha sostenuto dovrebbero orientarsi su Jalili, ma già il fatto che i due conservatori si siano misurati nei preliminari senza trovare l’accordo per un’unica candidatura che poteva conseguire un successo al primo turno, dimostra la spaccatura fra le varie anime del principalismo iraniano. Come, e forse più, dell’epoca di Ahmadinejad.  

 

Sostenere un ‘riformista’ per l’entourage dei Pasdaran sa di eresia, anche perché durante la campagna elettorale  Pezeshkian ha espresso concetti simili: “Chi sono quelli che scalano le pareti dell'ambasciata britannica, spingendo la sua chiusura? Erano i riformisti? Chi sono stati quelli che hanno dato fuoco all'ambasciata saudita, le cui azioni sono state applaudite come un successo dai giornali della linea dura? E tutto ciò ha spinto così tanti altri Paesi a chiudere le loro ambasciate. Le stesse persone che hanno preso d'assalto le ambasciate e hanno scalato le mura sono ora state nominate a posti di governo." Frasi sferzanti verso chi tiene alta la tensione non solo contro ‘il Grande e il Piccolo Satana’. Intanto il clima infuocato, non solo metaforicamente, d’uno scontro diretto con Israele non è mai stato così vicino, e non solo per volontà dell’ala dura del conservatorismo politico iraniano. Pertanto se venerdì prossimo il terzo uomo, ora diventato primo, dovesse spuntarcela con voti di più varia provenienza: dai convinti dell’ultim’ora a rinunciare all’astensionismo ai fedeli di Ghalibaf infedeli però al basij Jaalili, il mare in cui dovrà nuotare l’Iran affidato a Pezeshkian sarà comunque burrascoso. L’alleato d’acciaio Hezbollah è già in guerra strisciante con Israele che non rinuncia all’apertura d’un fronte settentrionale. Riuscire a smarcarsi da un conflitto che minaccia le radici nazionali non è facile, anche perché l’orgoglio patrio appartiene allo stesso riformista gentile e pure a molti dei suoi sostenitori. Disastroso presagio quello d’un coinvolgimento militare ancora più intenso, ma l’uomo che s’è affidato a Khamenei, pur avendo il sostegno dei Khatami e Zarif, degli ambienti politici più aperti al dialogo, alla distensione, dal nucleare alla questione dei diritti, dovrebbe rispondere da neo presidente della Repubblica Islamica ai princìpi su cui essa si basa. La sfida del 5 luglio è apertissima e non sarà un momento di trasformazione ma di conservazione. Di quello che l’Iran è costretto a fare anche per volontà non sua: conflitti militari ed economici, chiusure anziché aperture. Lo zampino di quanto accade a Teheran e dintorni non è solo determinato dal clero militante e dal militarismo interno, che in ogni caso restano un potere non scalfito. 


 

lunedì 24 giugno 2024

Presidenziali iraniane, il terzo uomo

 


Orgoglioso dell’origine azera il settantenne Masoud Pezeshkian è il candidato che l’elettorato interno e l’opinione pubblica internazionale non s’aspettavano. Invece il ‘Consiglio dei Guardiani’, l’organo che vigila e seleziona le candidature e ha scelto i sei sfidanti per la carica di presidente della Repubblica Islamica iraniana (si vota il 28 giugno) non solo l’ha inserito nel gruppo, ma non ne limita la campagna elettorale. I Guardiani non brillano per terzietà però una volta proposti i contendenti non interferiscono granché. Solo che fra i pretendenti alla carica, seconda in gerarchia solo a quella della Guida Suprema, Pezeshkian risulta un elemento ben distante dagli altri cinque, tutti conservatori, quattro laici e un chierico. Lui è un riformista, non proprio il Mousavi d’un quindicennio addietro, sicuramente non un ‘principalista’. Il suo passato è legato agli studi in medicina che, durante il buio periodo di guerra contro l’Iraq, gli ha offerto la possibilità di entrare nelle squadre mediche, gente che serviva la prima linea ma non stava sotto le bombe e i gas di Saddam. Di quell’epoca Masoud può sfoggiare la foto in divisa da combattente, certo non rivendicare un passato da perfetto basij come Jalili, il ‘martire vivente’ con tanto di menomazione d’un arto. Ma della serietà nella vita privata Pezeshkian si fa vanto: ha cresciuto la prole dopo la morte prematura della consorte, ha conservato lutto e fedeltà nella vedovanza, ha adempiuto ai doveri paterni nonostante i molteplici impegni professionali di chirurgo presso l’Università di Scienze mediche Tabriz.  Tradizione e osservanza dei costumi islamici riguardo alla famiglia colpiscono l’elettorato conservatore che potrebbe passare sopra ai suoi orientamenti riformisti. Nati trent’anni fa quando fu viceministro e poi ministro della Salute durante la presidenza di Khatami. Nel 2009, criticando la repressione delle proteste dell’Onda Verde, s’inimicò l’intero fronte conservatore, clericale e laico. Eppure ha continuato a essere eletto nel Majlis, ha sostenuto le aperture per l’accordo nucleare di Rohani nel 2015 e di recente ha criticato la nuova repressione delle rivolte giovanili che denunciavano l’assassinio di Masha Amini. 

 

Estraneo ad appartenenze claniste, chi si stupisce che in questa fase di rigido controllo sulla rappresentanza  politica un elemento come Pezeshkian possa calamitare voti fuori dal coro (si vocifera che i fan di Ahmadinejad convoglierebbero le preferenze su di lui per sparigliare il campo e ostacolare la coppia dei favoriti Jalili e Ghalibaf) può trovare nella sua dedizione a Khamenei l’ancoraggio nel sestetto che si gioca la presidenza. Una duplice fede: al ruolo di Guida Suprema, che il riformismo radicale vorrebbe cancellare o ridimensionare insieme al superpotere del velayat-e faqih, e alla persona nonostante l’età, nonostante l’ipotesi d’un “pensionamento”. Il motivo del sentimento sarebbe la comune radice etnica azera, magari lo stesso grande vecchio guarda con occhio benevolo questo candidato spurio, dato tutt’al più per out-sider. Proprio in apertura di campagna elettorale Pezeshkian s’è rivolto alle minoranze etniche come fattore aggregante per recuperare il voto dei numerosissimi astensionisti nelle aree del nord-ovest del Paese, dove più dura e partecipata era la protesta dell’ultimo biennio. Esiste ovviamente un rovescio della medaglia: messa sul piano etnico la propaganda fa voltare le spalle ai persiani che si ritengono il fulcro della nazione, specie nelle aree rurali. Secondo i politologi la debolezza di Pezeshkian riguarda alcuni punti nodali della politica economica. Il candidato insiste nel richiedere aperture a capitali stranieri, ma quelli occidentali sono da tempo bloccati dal noto embargo, gli asiatici risentono degli orientamenti d’una geopolitica oscillante e per nulla lineare, proprio gli investimenti del colosso cinese che vanno e vengono starebbero a dimostralo. Insomma Masoud ci prova, occorrerà vedere chi userà chi. La sua presenza attirerà senz’altro più elettori, e questa è la mossa usata dal “Consiglio dei Guardiani” per aumentare la partecipazione al voto. Ma la disillusione popolare verso il riformismo è elevata e il fronte principalista è attrezzato a evitare sorprese. 


  

giovedì 20 giugno 2024

Macello-Italia

 


Taluni commenti di esperti sull’atroce episodio in cui ha perso la vita Satman Singh - morto per l’ulteriore colpevole mancanza del datore di lavoro (Antonello Lovato, solo qualche anno in più del dipendente sbracciato e dissanguato), la prima era uno sfruttamento schiavistico mascherato in lavoro, la seconda l’assenza di soccorso davanti a un ferimento gravissimo - mettono in relazione questioni che possono avere un unico comune denominatore: la scellerata illegalità del padroncino. Certo che sottopagare una prestazione comporta maggiori margini per abbassare il prezzo della merce, ma non è questo che ha fatto morire il bracciante indiano. La sicurezza viene bellamente aggirata con tanto di documentazione bollata, e chi si occupa della materia lo ripete fino alla nausea: c’è bisogno di controllare dal vivo i posti di lavoro. Ovviamente quelli pericolosi, gli incidenti negli uffici difficilmente producono decessi. Perché i controlli mancano? Si dice che gli ispettori sono pochi e le amministrazioni locali e i governi fanno in modo che rimangano tali non prevedendo assunzioni e ampliamenti d’organico. Invece non sono pochi coloro che vestono una divisa, ma giungono sul luogo del misfatto solo per constatare la morte del lavoratore, non per prevenirla. Così quel che tutti conosciamo e in alcuni casi vediamo, prosegue impunemente. L’illegalità legalizzata è nota alle Istituzioni che magari legiferano norme puntualmente inosservate per la citata mancanza di controlli e sanzioni severe. All’omertà ricattatoria imposta ai ‘lavoratori invisibili’ trasformati in cadaveri da smaltire, s’unisce quella delle associazioni di categoria, in certi casi mastodonti (Confagricoltura, Coldiretti, Legacoop, Confcooperative) che poco verificano di che pasta son fatti i soci e se viene a galla qualche problema, per fortuna mica solo incidenti e decessi ma le più frequenti evasioni fiscali, parlano di mele marce. Proprio così, anche se non si coltiva frutta. C’è bisogno sempre d’indagini della magistratura? No. Basterebbe un po’ d’autocontrollo applicando la decantata deontologia. Basterebbe non perdere la faccia.

 

Ma non sembra questo l’intento di parecchie categorie d’impresa, attente solo al mercato e al fatturato. Magari alla réclame che le proclama: pop, intelligenti, made in Italy, chilometro zero anche quando i chilometri percorsi dalle merci hanno molti, molti zeri. Inchieste giornalistiche ormai datate hanno sbugiardato alcuni prodotti italiani d’eccellenza, oro della ‘filiera controllata e dop’ come il Consorzio del Parmigiano Reggiano che prendeva il latte da un’Ucraina allora non in guerra e da altri Paesi comunitari e non. Idem per il Consorzio del Prosciutto di Parma le cui cosce di suino venivano anche da Romania, Serbia e chissà dove. I maiali dell’est europeo sono meno sani? Forse no, ma risultano meno controllati e soprattutto i consumatori venivano turlupinati da una pubblicità che garantisce una produzione 100% italiana. Oggi s’è cambiato registro? Mah, la certezza è vaga. E sembra che i suddetti esperti non siamo proprio avvezzi a fare la spesa quando decantano la sicurezza, non dei metodi di produzione che non appaiono e non devono apparire sulle etichette, dovrebbero essere vigilati a monte, ma la sicurezza della genuinità della merce. La caparbia Sabrina Giannini da anni si dedica a mostrare cosa c’è dietro alcune etichette ipercertificate attraverso trasmissioni televisive che hanno scontentato non tanto i colossi mondiali come Monsanto, poco avvezzo alla nostra tivù, ma aziende del ‘made in Italy’ come il Gruppo Cremonini Spa in diretto rapporto mercantile con gli allevamenti intensivi responsabili d’un impatto ambientale assolutamente insostenibile. L’attenta comunicazione dell’azienda ricorda che: “…l’alimentare è il secondo settore industriale italiano, un sistema di 6.500 imprese, con 400.000 addetti, 120 miliardi di fatturato che segue un regime normativo europeo rigoroso”. Peccato che diversi reportage hanno evidenziato altro, che i maiali acquistati dal Gruppo Cremonini provengono anche da allevatori-malfattori incuranti di igiene e ogni sorta di presidio sanitario, per tacere sul bestiale trattamento delle bestie. Sarà per questo che la Rai vuole esiliare la giornalista? Sarà per questo che nel novembre scorso il presidente della Coldiretti Prandini ha aggredito il deputato Magi che protestava davanti a Montecitorio per il voto contrario alla carne coltivata? 


 

mercoledì 19 giugno 2024

Satnam Singh, la terra d'Italia non gli è stata lieve

 


Disumani questo siamo, questo siamo diventati. Non solo a Latina, un po’ ovunque, specie dove gli “imprenditori” dell’Italia che si sente potenza, spadroneggiano coi dipendenti connazionali, e molto più, e molto peggio con gli invisibili lavoratori dell’altro mondo. E quando accade che nel mondo dei più ci finiscono nella maniera selvaggia e bellica i Satnam Singh, sconosciuto alle stesse agenzie che ieri battevano la notizia del suo strazio chiamandolo indiano dal luogo di provenienza come abbiamo fatto anche noi, gli “imprenditori” parlano d’incidente. Punto e basta. Non cercano il soccorso necessario davanti a un uomo lacerato nel fisico e dal dolore, lo caricano come merce di scarto, perché pensano che tale sia diventato. Lo scaricano lontano dal luogo dell’agguato-assassinio. Rimuovono quel corpo straniero, lavano la propria coscienza col sangue che sicuramente usciva copioso dall’arto tranciato. Non pensano che possa morire, proprio no. Poi davanti alle telecamere che cercano conferme sulla terribile notizie gridano: “E’ un incidente, andate via”. Un incidente? Per loro sì, è solo un incidente e via andare, la vita continua. Però il lavoratore indiano, Satnam, trentuno anni e la speranza che sudando dieci ore e più sul campo assolato una migliore sistemazione sarebbe arrivata, se soccorso all’istante si poteva salvare. Invece nei mille modi d’una quotidianità diventata superficialmente diabolica e peggiore d’una pellicola Pulp, si getta quel busto che gronda sangue, ci si scrolla di dosso gli eventuali schizzi, si volta la testa alla propria responsabilità criminale e si tira dritto verso l’azienda. Questo sono diventati l’impresa, il commercio e dentro ci sono grandi e piccini, le famigerate Srl carezzate dai liberisti e protette dalle sigle padronali d’ogni colore. A tal punto che quel pizzico di sindacalismo ancora impegnato a tutelare i lavoratori - regolari o irregolari -  talvolta arrossisce pensando agli organismi della stessa sponda politica che chiudono gli occhi davanti ai padroncini assassini. Omicidio colposo e omissione di soccorso dice la legge che indaga. Chi scrive, pur avendo studiato Rousseau e il suo contratto sociale, pensa per un attimo alla legge del taglione. Magari quegli atti d’accusa venissero applicati e anche stavolta non finisse come per la ThyssenKrupp e la strage ferroviaria di Viareggio…

martedì 18 giugno 2024

L’Italia dei braccianti dimezzati

 


Un bracciante che perde un braccio, cos’è? Una certa Italia, mai benevola col lavoro delle mani, lo trattava da un uomo dimezzato nell’efficienza produttiva e lo compensava con mezza paga. Non importava se il malcapitato s’affannasse a lavorare sodo dimenando velocemente l’altro arto, il salario era dimezzato. Accadeva nel Novecento giolittiano e in quello della rivoluzione fascista, che però ai mutilati d’ogni guerra, ancor più se coloniale, concedeva compensazioni. L’Italia della ricostruzione e del boom economico accordava qualcosa agli incidentati delle braccia da lavoro. Allora si parlava di progresso e di tutele. Alcune sono arrivate, ma tanti diritti sono stati smarriti o sono rimasti sogni. Nell’Italia digitalizzata le difese sono scemate sebbene, o non a caso, si registrino un anno via l’altro mille e passa caduti di pacifico lavoro. “Morti bianche” le chiamavano con un ossimoro pazzesco perché non c’è luce né chiarezza in tanti di questi assassini legalizzati. L’altro alibi è la fatalità o peggio la disattenzione per la quale il boomerang della menomazione o del decesso s’addossa a chi ne è colpito. La classe che frequenta campagne e cantieri e le fabbriche che restano e i tanti magazzini dove s’accumula la robbba da riversare negli scaffali delle vendite - ingrosso o dettaglio non fa differenza - la classe operaia è l’unica a guardare in faccia la morte o la lesione di corpi martoriati da impalcature, trivelle, presse, muletti su cui si lavora in una sicurezza resa insicura da inosservanze, assenza di controlli, ritmi, subappalti, caporalato. Fino a giungere a Borgo Santa Maria nel Pontino, vicino alle case che sanno di patria: Borgo Piave, Bainsizza, Podgora.  Campagne con una storia densa di contraddizioni che qui non trattiamo, e da tempo al centro di cronache di super sfruttamento bracciantile, fatto da sikh ultimamente ribelli a padroncini e moderni campieri. Lì un bracciante indiano ha avuto l’arto tranciato da una falciatrice meccanica ed è stato “soccorso” in questo modo: infagottato e trasportato su un pulmino verso l’abituale alloggio. E lasciato lì. Però i padroni benevoli non gli hanno fatto mancare il braccio, gettato accanto al corpo martoriato. I contadini del Punjab rischiano trattamenti simili? Può darsi. Ma intanto questo accade da noi e vedremo cosa faranno le festaiole istituzioni da G7.